Cos è il tumore della prostata

Il tumore in una prima fase è un nodulo che si forma all’interno della prostata che, nelle forme “indolenti” resta tale per molti anni. Le forme più aggressive, al contrario, possono evolvere rapidamente: le cellule diventano più aggressive e il tumore tende ad espandersi fino ad arrivare a colpire organi lontani (metastasi).

Le cause che portano alla formazione del tumore della prostata non sono ancora state identificate, anche se si conoscono alcuni fattori di rischio.

I tumori maligni, al contrario, possono invadere i tessuti adiacenti; inoltre, le cellule possono staccarsi dal tumore originale e quindi diffondersi, attraverso la circolazione sanguigna o il sistema linfatico, a tessuti e organi lontani: in questo caso si parla di metastasi.

Il tumore della prostata rappresenta la forma tumorale più frequente nella popolazione maschile di più di 50 anni di età ed è un tumore androgeno-dipendente.

I tumori possono svilupparsi in forma benigna o maligna: per conoscere esattamente il tipo di tumore è necessaria una biopsia.

I tumori benigni di solito crescono lentamente e non diffondono nei tessuti circostanti; possono dare problemi quando, aumentando di volume, vanno a premere contro gli organi vicini.

Comunque, a parte questo meccanismo, che è comune a tutti i tumori, è importante sapere che ogni tumore ha una storia a sé: esistono più di 200 tipi di tumore e differenti possibilità di trattamento.

Il tumore della prostata compare prevalentemente dopo i 50 anni e la sua frequenza aumenta con l’età.

Sicuramente un ruolo importante nello sviluppo e nella crescita del tumore della prostata lo ricoprono gli ormoni androgeni: infatti si parla anche di tumore androgeno-dipendente.

Chi si prende cura del paziente con tumore alla prostata è di solito il partner. Il benessere del caregiver dovrebbe diventare uno dei parametri in base ai quali giudicare pro e contro delle terapie. Leggi tutto

Alcune microstrutture cellulari chiamate centrioli avrebbero un ruolo predominante nella formazione e nello sviluppo dei tumori. Secondo alcuni ricercatori portoghesi, questa scoperta potrebbe avere importanti conseguenze nella lotta al cancro. Leggi tutto

La fatigue percepita dai pazienti oncologici potrebbe durare per decenni anche dopo i trattamenti. Ricercatori della Johns Hopkins University hanno provato a misurare il livello di fatigue anche in relazione all’invecchiamento. Leggi tutto

Il tumore entra prepotentemente nella vita di una persona e ha effetti profondi anche su chi sta al suo fianco. Vediamo allora come e quando comunicare agli altri la malattia. Leggi tutto

Negli Stati Uniti sono diffusi i PHP, Personal Health Records. Ecco alcuni consigli per crearne uno e raccogliere i documenti più importanti per il percorso di cura. Leggi tutto

Terminati i trattamenti, quando il tumore è in remissione o viene gestito come una malattia ormai cronica, il paziente deve rivolgere le domande giuste al medico, per prendere consapevolezza della nuova situazione e affrontare al meglio il futuro. Leggi tutto

La fatigue percepita dai pazienti oncologici potrebbe durare per decenni anche dopo i trattamenti. Ricercatori della Johns Hopkins University hanno provato a misurare il livello di fatigue anche in relazione all’invecchiamento. Leggi tutto

Affrontare il tema della malattia è difficile sia per il malato che per i suoi familiari ed amici. Ecco alcuni consigli per costruire un dialogo aperto e sincero da entrambe le parti. Leggi tutto

Alcune microstrutture cellulari chiamate centrioli avrebbero un ruolo predominante nella formazione e nello sviluppo dei tumori. Secondo alcuni ricercatori portoghesi, questa scoperta potrebbe avere importanti conseguenze nella lotta al cancro. Leggi tutto